Città di Tarcento

C.F. 00408250306
P.I. 00538110305
Piazza Roma, 7 (UD)
C.A.P. 33017
tel. 0432/780611
fax 0432/791694






Rilascio contrassegni invalidi

Il "contrassegno invalidi", previsto dall’art. 381 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 e successive modificazioni, è rilasciato alle persone invalide con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta ed ai non vedenti ed è valido su tutto il territorio nazionale.

Per ottenere il rilascio del contrassegno invalidi bisogna presentare domanda  esente da bollo, accompagnata da certificazione medica rilasciata dall’Azienda per i Servizi Sanitari di appartenenza. Per i minori di 18 anni la domanda va presentata dai genitori o da chi ne fa le veci.

L’invalidità potrà essere permanente o temporanea a seconda delle risultanze riportate sulla certificazione medica sopra indicata.

Il contrassegno è personale e va usato solo in presenza dell’intestatario. Va esposto sul parabrezza anteriore del veicolo ed è rilasciato a prescindere dalla titolarità di patente di guida o dalla proprietà di un automezzo.

In caso di invalidità permanente, il contrassegno avrà validità quinquennale, mentre nel caso d’invalidità temporanea la validità del contrassegno sarà pari al periodo di invalidità indicato sulla certificazione medica.

In entrambe i casi, alla data di scadenza riportata sul contrassegno,  lo stesso deve essere restituito all’Ufficio che lo ha emesso per le pratiche di rinnovo. Deve essere restituito anche in caso di decesso del titolare.

Il rinnovo del contrassegno di invalidità è emesso allegando all’istanza il certificato del medico curante in cui venga confermato il persistere delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo al rilascio. I soggetti riconosciuti ai sensi dell’art. 3 della Legge 05-02-1992, n. 104,  in alternativa alla certificazione medica, possono attestare il persistere delle condizioni sanitarie previo autocertificazione.

Per il rinnovo del contrassegno di invalidità temporanea bisogna allegare necessariamente la certificazione medica rilasciata dall’Azienda per i Servizi Sanitari (come per il primo rilascio).  

Il contrassegno consente alle persone invalide di sostare con le vetture negli appositi spazi contrassegnati da segnaletica orizzontale gialla e verticale (sosta consentita alle persone invalide);  transitare e sostare nelle zone a traffico limitato; sostare nelle zone sottoposte  a sosta regolamentata da disco orario senza limitazioni temporali, transitare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici, sostare nelle altre zone dove vige il divieto, ma senza creare intralcio o pericolo per la circolazione.   

Non è possibile utilizzare il contrassegno in modo da occultare la segnaletica, in prossimità di corsie di canalizzazione ed in corrispondenza o in prossimità di aree d’intersezione (incroci), davanti ai passi carrabili, in seconda fila, sui passaggi pedonali e sui marciapiedi o per transitare nelle zone riservate esclusivamente ai pedoni.